Intervista a Stefano e Denise, coppia di Soci Slow Food abitanti in Svizzera


Intervista al consumatore: il fruitore del cibo indirizza l’offerta dei produttori e dei ristoratori; ascoltiamo le opinioni, analizziamo i comportamenti e seguiamo i suggerimenti di coloro che, alla ricerca del cibo buono, pulito e giusto, assumono il ruolo di veri e propri co-produttori.

Domanda:

Ci sembra che stia aumentando la ricerca da parte del consumatore di materie prime genuine e locali, credi che le aziende del territorio siano pronte a rispondere ad un aumento della domanda?

Risposta:

Crediamo anche noi che ci sia una maggior sensibilità verso i prodotti locali e genuini, ma questo atteggiamento aumenta molto piano e da modo aiproduttori di adattarsi alla domanda.

Domanda:

Pensi che l’emergenza sanitaria abbia mutato il Tuo comportamento alimentare? e se si in quale modo?

Risposta:

No, no l’ha mutato.

Domanda:

Secondo la tua opinione i produttori locali e i ristoratori del territorio potrebbero valorizzare meglio i propri prodotti per esempio trovando delle sinergie di rete?

Risposta:

Delle sinergie sono indispensabili vista la forza e lo strapotere delle multinazionali. I produttori locali dovrebbero però essere presenti dove la gente fa la spesa: al supermercato.

Domanda:

Quali nuove formule Slow food potrebbe adottare per far conoscere meglio i concetti di Cibo “Buono, pulito e giusto”?

Risposta:

Oltre agli incontri che organizzate abitualmente, troviamo molto utili le pubblicazioni fatte durante la pandemia per far conoscere le piccole realtà.

Domanda:

Anche la Condotta di Como sta rivedendo metodi e tecniche di partecipazione alle attività. Cosa ne pensi se si proponessero esperienze miste di partecipazione alle attività come per esempio presentazioni con degustazioni di prodotto in modalità live alternate a visite guidate nelle aziende agricole?

Risposta:

Sarebbero senz’altro utili (è quello che state facendo). Ci rendiamo conto però che siamo una minoranza. La velocità con cui cresce slow food tuttavia ci dà un po’ di speranza.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.